fotoPNEW

Fabio Regazzi

Presidente di CATEGORIA e Vicepresidente di ANAFE Confindustria Federvarie (Associazione Nazionale Produttori Fumo Elettronico)

anafe

Attiva nel settore dal 2009 con un successo sempre crescente, CATEGORIA è l’azienda fondata da Fabio Regazzi che è riuscita in breve tempo a imporsi come punto di riferimento nella vendita di sigarette elettroniche. Con sede a Seregno – Monza e Brianza – l’azienda realizza e distribuisce in Italia e all’estero prodotti mirati esclusivamente a soddisfare le esigenze di fumatori tradizionali.
Il Progetto CATEGORIA nasce dall’esigenza di dare una risposta concreta a quanti hanno cercato per anni di ridurre il consumo di tabacco. Diminuire la quantità di sigarette tradizionali rappresenta un gesto importante per tutelare la propria salute, per questo CATEGORIA si è impegnata sin dalla sua fondazione nella ricerca e nello sviluppo di una linea di prodotti che consentono di intraprendere un percorso vincente per ridurre i rischi del fumo. Fondamentali in tutto questo percorso i 30 anni di dipendenza dal tabagismo di Fabio Regazzi, malattia che lo ha portato ad avere problemi cardiaci già alla giovane età di 37 anni, ma a quel tempo la soluzione al problema era smettere di fumare e chi più di un forte tabagista sa quanto sia difficile, per lui è stato impossibile. Solo dal 2009 Fabio Regazzi ha trovato nella sigaretta elettronica CATEGORIA lo strumento ideale per allontanarsi dal fumo e dal quel giorno con estrema facilità ha detto basta alle sigarette tradizionali cambiando il suo modo di fumare.
Questo risultato entusiasmante ha fatto sì che per lui questa diventasse una vera e propria crociata etica che continua quotidianamente a riempire le sue giornate di grandi soddisfazioni e riconoscimenti da parte delle migliaia di amici fumatori di CATEGORIA.
Grazie a ricerche molto approfondite condotte da scienziati attenti e scrupolosi, Fabio Regazzi è riuscito a produrre una sigaretta elettronica che mantiene praticità, dimensione, gestualità… insomma tutte le caratteristiche fondamentali per accompagnare il fumatore nel suo percorso di riduzione del rischio, garantendo sicurezza grazie ai filtri precaricati e poco consumo di liquidi per merito di batterie a basso amperaggio studiate per soddisfare le esigenze del fumatore.
Nel 2013 l’azienda ha presentato a Boston, in collaborazione con il Professore Michael Siegel della Boston University School of Public Health, il primo studio clinico al mondo condotto dal Professore Riccardo Polosa dell’Università di Catania sull’efficacia e la sicurezza dei prodotti CATEGORIA.
Una rete capillare di agenti distribuita su tutto il territorio nazionale ed un servizio di Customer Service attento e preparato garantiscono un eccellente supporto a tutti i punti vendita.

CATEGORIA rimane leader nel mercato della e cig dal 2009 ad oggi.

Dalla sua nascita CATEGORIA ha sempre avuto un’attenzione particolare alla qualità dei propri prodotti collaborando con laboratori specializzati per mantenere i più alti standard.

imgres

 

2009

CATEGORIA è stata la promotrice del primo studio clinico pilota sugli effetti della sigaretta elettronica su 60 volontari. Tale studio è stato condotto dal Professore Riccardo Polosa dell’Università di Catania in collaborazione con la LIAF (Lega Italiana Anti Fumo). Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica internazionale BMC Public Health nel 2011 e evidenzia la sicurezza, la qualità e l’efficacia del prodotto.
Il 41° stormo A/S Sigonella della aeronautica militare, è stata parte attiva nella sperimentazione delle sigarette elletroniche CATEGORIA nel 2011. Nell’ambito del progetto antifumo sulla sperimentazione clinica delle sigarette elettroniche, l’Università degli Studi di Catania, CATEGORIA sigaretta elettronica e LIAF – Onlus Lega Italiana Antifumo, si sono avvalse di un altro prestigioso partner, il 41° Stormo della Aereonautica Militare di Sigonella.
Il progetto antifumo, avviato presso l’Università di Catania, ha avuto come obiettivo la sperimentazione clinica delle sigarette elettroniche per la riduzione del rischio da fumo di tabacco. Lo studio ha dato buoni risultati, infatti le sigarette elettroniche sono risultate un utile strumento per aiutare il fumatore a ridurre il numero di sigarette tradizionali ed in molti casi a smettere.

2011

Nel 2013 CATEGORIA e il Professore Riccardo Polosa hanno presentato a Boston, in collaborazione con il Professore Michael Siegel della Boston University School of Public Health, il primo studio clinico al mondo sull’efficacia e la sicurezza dei prodotti CATEGORIA.
Le ricerche, svolte per un anno su un campione di 300 volontari non intenzionati a smettere di fumare, sono state pubblicate sull’autorevole rivista scientifica Plos One e hanno dimostrato che le sigarette elettroniche e i filtri CATEGORIA rappresentano un valido sostituto dei prodotti del tabacco ed un rimedio sicuro per la riduzione del danno.
Anche il “The New York Times” ha dedicato un articolo allo studio clinico presentato a Boston.
NYT

2013

2015-2016

Nel 2015/2016 l’azienda ha omaggiato, con l’acquisto di un kit Categoria, in anteprima ed in esclusiva “Il libro verità sulla sigaretta elettronica” del Professore Fabio Beatrice – Direttore della Struttura Complessa di Chirurgia Otorinolaringoiatrica e Maxillo Facciale presso l’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino – uomo che da oltre 30 anni combatte il tabagismo tra ricerca e sala operatoria. Ed anche un ingresso gratuito all’area privata del METODO MB, una procedura che utilizza conoscenze mediche e tecniche psicologiche di coaching nata dalla ricerca e pensata per aiutare i fumatori che non riescono a smettere di fumare o che non vogliono smettere di fumare. Con MB si impara a sostituire la normale sigaretta con la sigaretta elettronica mediante una serie di test e di esercizi che allenano il cervello ad accettare con soddisfazione il cambiamento.

2017

I prodotti CATEGORIA sono conformi alle normative in forza nei diversi stati Europei in ottemperanza a quanto disposto dalla Direttiva Europea TPD in materia di sigarette elettroniche (Articolo 20 – 2014/40/UE).